12/07/2012

~Il Canto di Natale dalla WWE!


In perfetto stile cartone animato decerebrato, ecco qualcosa che vi farà sicuramente vergognare di essere 'rrestling fens... ma che allo stesso tempo vi strapperà almeno una risata!



So che siete sorpresi quanto me, cari i miei intelligentissimi 'rrestling fens... So che per qualche attimo siete riusciti a dubitare della vostra fede wrestlinghistica vedendo il precisino Babbo NaCena dirigere il coro delle voci stonate di Natale targate WWE.
Heel e Face sono lì, fianco a fianco a farsi gli auguri di Natale, buone feste, tanti auguri...non si sente (ma c'è!) Sheamus che dice a Big Show "Scusami se ti ho aperto la testa sbattendoti sul vetro di una macchina" e lui "non fa niente, anzi salutami tanto William Regal e portagli i miei auguri...e digli che mi spiace di avergli spaccato la mascella con un pugno...". Si! Aria di festa!

Daniel Bryan minorato mentale che canticchia solo "YES! NO! YES! NO"...alla stregua di uno Zodiac qualunque, Ryback che come al solito pensa solo a magnà e sentiamo per la prima volta persino la voce di Sin Cara! A parte tutto il mio WIN è sicuramente Big Show con la sua strofa "I'm gonna knock you out!" detta con quel sorrisone orsacchiottone alla Gerry Scotty! Il mio grande rimpianto è il non riuscire a sentire cantare Great Khali che sicuramente starà impasticciando qualcosa tipo: "Hingol Ells Hingol olleueis.."
Il finale con Vince McMahon versione cartoon (ma senza coolo di fuori) che grida "Yooou're Fired!!", fuori tempo senza rima e senza senso (perchè lui è il capo, perchè lui può) serve proprio a concludere quest'insalata di tristezza natalizia.
Alla fine poi John Cena, con fare da Gran Dixan, ci ricorda cosa diavolo è il Natale...no, perchè ci può essere qualcuno che se lo sia dimenticato o che abbia avuto un trauma mentale nel guardare questa immonda cagata e se lo sia dimenticato.

Luca Celauro




12/04/2012

TRYTAN (di Alessandro Bogazzi)

Introduzione: Avevo in mente di introdurre Trytan  dal primo momento che l'ho visto, ma allora la HALL of SHAME era appena nata e l'avvenimento non era abbastanza "stagionato" per riderci su. In questi giorni ho pensato che per introdurre cotanta schifezza ci voleva qualcuno di speciale, qualcuno che in quel periodo come me ha atteso questo personaggio, guardando i promo, cercando di capire chi mai si celasse dietro quello simbolo, qualcuno che ama la TNA con il cuore e la passione di un vero fan e la mia scelta non poteva essere che Alessandro Bogazzi.
Alessandro è autore di quella che più volte è stata definita la migliore rubrica settimanale che parla della federazione di Orlando, il solo ed unico "Ultimate X", divenuto un vero "must read" per tutti gli appassionati TNA e non! Ale è famoso per la sua imparzialità, per questo motivo non vedo l'ora di leggere cosa avrà da dire su Trytan, forse il primo, enorme "Flop" della TNA! Lascio la parola ad Alessandro che ringrazio di aver accettato il mio invito e vi auguro buona lettura!!!

Luca Celauro





Trytan
Una specie di Warrior/Terminator...Tritone? 


Alessandro Bogazzi scrive per la HALL of SHAME:
Siamo all'inizio del 2005, un periodo molto caldo per la NWA/TNA, che ha da poco adottato la formula dei pay per view mensili e dello show settimanale, chiamato Impact. A capo del booking team c'è Dusty Rhodes, autore di scelte abbastanza impopolari come la losing streak di Raven, i push concessi ad atleti come suo figlio Dustin e Johnny B. Badd e qualche turn insensato. E' proprio sotto il regime dell'American Dream che, durante gli episodi di Impact, vanno in onda dei promo misteriosi che annunciano l'imminente approdo di un nuovo lottatore. Una voce sussurra diverse frasi, concludendo sempre con "it's coming!", mentre le immagini mostrano un individuo alto, vestito di nero, che indossa degli occhiali da sole e ha disegnato uno strano simbolo nella giacca. E' proprio il simbolo a far parlare di sé, perché ricorda il facepaint di The Ultimate Warrior, e i più fantasiosi pensano che il guerriero sia invischiato in qualche modo nella faccenda. Ovviamente, non è così, ma la gimmick sembrerebbe comunque interessante. Il 18 febbraio a Impact, Trytan fa il suo debutto on screen, ma anziché fare qualsiasi cosa, si limita ad apparire sullo stage durante il match tra Monty Brown e Lance Hoyt, limitandosi a indicare i due contendenti. Il match finisce inspiegabilmente in no contest e inizia a esserci l'impressione che si tratti di un personaggio trash. Il look di Trytan è molto simile a quello di Terminator e la sua capacità di apparire dal nulla ci fa credere che sia dotato di poteri paranormali. Il wrestler fa la sua seconda apparizione una settimana dopo, sempre nel corso di un match di Monty Brown, e quindi i due vengono messi uno contro l'altro nel pay per view Destination X. 

11/21/2012

Mr. McMAHON AND HIS ASS



Mr. McMahon and his Ass
Un cartoon fatto col c*lo!

Vi ricordate quei bei cartoni animati della WWE di una volta? Vi ricordate de "I campioni del wrestling?" (Hulk Hogan's Rock 'n Wrestling) con protagonista un biondissimo Hulk Hogan e i suoi amici contro i malvagi stranieri? Si quelli con Andrè The Giant che parlava con la francesissima "r" moscia o con la parlata a là Ivan Drago di Nikolai Volkoff! Con Erano cartoni semplici e eppure ce ne hanno fatte fare di risate!

Qualche genio a Stamford pensò bene di creare un nuovo cartoon sulla base di quel club privato un pò speciale con a capo Vince McMahon....stiamo parlando del Kiss My Ass Club!
Come sapete il chairman della WWE adora dimostrare il suo potere facendosi baciare letteralmente il culo... ed ogni volta è come la prima: è sempre raccapricciante vederlo sfilarsi i pantaloni e sfoggiare quelle chiappe bianchicce ed aspettare il bacetto da qualche dipendente...
Basterebbe il famigerato "Kiss my ass" club ad assicurare l'introduzione nella HALL of SHAME, ma per voi, miei intelligentissimi rrestling fens, questi geni sono riusciti a tirare fuori qualcosa di più scandaloso:
Mr McMahon and his ass (letteramente: "Il Sig. McMahon e il suo culo"), un cartone animato con protagonista IL CULO DI VINCE MCMAHON.
Si non avete letto male: è così! Il culo è il protagonista del cartone!

I SUICIDI DI TIM WHITE

I (Tentati) suicidi di Tim White

La stupidità umana consiste nell'avere tante idee, ma delle idee stupide.

Ci sono personaggi nel mondo del wrestling che siamo abituati a vedere ad ogni puntata da anni, ma ai quali non prestiamo abbastanza attenzione: sono gli arbitri.
Eppure sono davanti ai nostri occhi tutte le volte, ma sono in pochi a conoscere veramente Jimmy Korderas, i gemelli Hebner, Charles Robinson, Nick Patrick, le persone che si nascondono dietro le maglie a striscie bianche e nere. Ma ben prima che le maglie diventassero a strisce in bianco e nero, ci fu un periodo in cui si indossavano delle eleganti camicie con tanto di farfallino, ed uno dei più importanti farfallini di quel periodo era indossato da Tim White, storico arbitro WWE dall'aspetto inconfondibile.
White era molto amico di Andrè The Giant, viaggiavano spesso insieme ed arbitrava gran parte dei match del gigante. Anche vista l'amicizia con l'ottava meraviglia del mondo, Tim White era visto come un arbitro d'esperienza, del quale ci si poteva fidare ad ogni occasione e restò in WWE per parecchi anni diventando uno dei "Senior Referee" della federazione.
Proprio per questo motivo, aveva spesso l'occasione di arbitrare i match più importanti della compagnia, come quel fatidico "Hell in a Cell" Match tra Chris Jericho e Triple H a WWE Judgement Day 2002.
Il povero White si trovava sull'apron ring e in una parte concitata del match tra i due main eventers, Jericho spinse involontariamente il povero arbitro verso la terribile cella infernale, infortunandosi gravemente alla spalla.

Al nostro arbitro venne dato un periodo di riposo per recuperare dall'infortunio, ma qualche mese dopo, tornò sugli schermi della WWE, intervistato a Rhode Island nel suo bar da Josh "l'uomo dalle mille capigliature" Mattews, in quel periodo intervistatore di WWE Smackdown!
Durante l'intervista, White raccontava il suo dolore davanti le telecamere, veniva dipinto come un uomo in preda alla depressione e all'alcool, che trincava ormai come l'acqua.
Diceva che quel "maledetto Hell in a Cell" ha rovinato la sua vita e che da quel giorno ha vissuto letteralmente un vero inferno in terra.
Durante la chiacchierata, Tim sembra averne abbastanza della sua vita, sembra non volere più vivere (aspettava giusto una diretta della WWE e poi poteva farla finita) tira fuori un fucile ed esce dall'inquadratura con Mattews che continua a gridare "Non farlo Tim! Ti prego no!! Noo!!!"
Si sente uno sparo. Tim White si è suicidato.

10/10/2012

THE ODDITIES


The Oddities
Venghino siori venghino!

Come ben sapete, miei intelligentissimi rresling fens, il vostro sport spettacolo preferito non è nato in TV, ne tantomeno nei palazzetti dello sport... Il wrestling è nato nelle fiere di paese della fine dell'ottocento.
In tali fiere era possibile vedere attrazioni incredibili, uomini capaci di fare cose assurde o semplicemente così strani da dover pagare per vedere da vicino tali scherzi della natura...erano i cosidetti "fenomeni da baraccone".
E così si andava al circo dei freaks a vedere la "donna barbuta", I "mangiafuoco", il bimbo con tre gambe, l'uomo più grande del mondo, l'uomo elefante...insomma ogni sorta di deformità dava a queste persone una sorta di "celebrità". La gente pagava per vederli.

Così come pagava per vedere lottare o persino per sfidare i primi lottatori di wrestling in circolazione.
Si sfidava l'uomo comune a mettere KO l'uomo con le braccia di ferro, i lottatori più mastodontici e più muscolosi che la gente avesse mai visto. Era la preistoria del wrestling.

Cosa c'entra questa premessa con l'articolo che state per leggere?
Sarete anche intelligentissimi, cari rrestling fens, ma mi sa che non avete capito una mazza fin'ora...

Infatti nei mitici anni '90 arriva un'idea così stupida che sembra sia uscita dalle menti di Gianni e Pinotto o di Stanlio e Ollio: è la grande pensata di Vince & Vince (Russo & McMahon) i quali pensano sia un'ottima idea quella di riportare in vita il "Circo dei Freaks" in piena era Attitude nella WWE!

PHANTASIO


*CLASSIC HALL OF SHAME*
Phantasio
Gli e’ bastata un’apparizione per sparire del tutto

E cosi’ ritorniamo a parlare di quella fiabesca realta’ che era la WWF dei tempi d’oro, la WWF dell’era Gimmick, la romanzesca epoca d'oro della federazione più famosa al mondo, in cui tutti i wrestler avevano un mestiere secondario... E tra idraulici, esattori delle tasse, spazzini e quant’altro, non poteva mancare anche il wrestler che faceva il mago illusionista!

Beh “niente di strano” direte voi...”Tanto in quel periodo si vedeva di tutto!”
A dire la verita’ no. Uno come Phantasio non l’avevamo ancora visto!

Ebbene si, avete capito bene... Phantasio era proprio questo! Un illusionista, un personaggio che non ha quasi per nulla a che fare con il mondo del wrestling (i piu’ romantici parleranno della “magia del quadrato” e della “sospensione della realta’”...).

9/05/2012

DDP: L'ISTRUTTORE DI YOGA

DDP: L'istruttore di Yoga
...Questa si che è una brutta cosa!

Per tutti gli ignoranti che si sono imbattuti per caso in questa pagina web (e non come tutti voi, miei intelligentissimi rrrestling fens!), facciamo un pò il punto della situazione, anzi, visto che oggigiorno va così tanto di moda facciamo un breve recap (un riepilogo) per ricordarvi chi è quel tizio sorridente che vedete nella foto qui sopra. 

Quel tizio è nato come Page Falkingburg, ha cambiato legalmente il suo nome solo recentemente in Dallas Page ma per tutti i fans di wrestling lui è Diamond Dallas Page!! ...o più semplicemente "DDP"!
Un uomo, un mito, una leggenda del wrestling, uno dei pilastri su cui si reggeva la World Championship Wrestling!
Si dice che abbia fatto una vera e propria "carriera al contrario" in quanto debutta nel wrestling non da wrestler ma da manager e successivamente come commentatore nella AWA... non proprio una carriera che ci si aspetta da un mito del genere!
Ah, dimenticavo...Page cercò invano di sfondare come manager o come commentatore in WWE, ma l'unica cosa che è riuscito ad ottenere dalla federazione dei McMahon è stato il ruolo di autista per la limusine dei Rythm & Blues a WrestleMania VI!
Ma questo fu prima di credere in se stesso e rimboccarsi le maniche e ricominciare da zero nella World Championship Wrestling e cominciare una vera e propria scalata al successo.

8/19/2012

GIANT GONZALEZ (di Ivan Cavalieri)


Giant Gonzalez
Il miglior costume di sempre!

I Big Man sono quasi sempre stati presentati come "Special Attraction" nel mondo del Wrestling. Essi sono potenti, muscolosi, imponenti, intimidatori e sopratutto enormi!
Gente come Andrè The Giant, The Big Show, Mark Henry, The Great Khali e compagnia hanno scritto delle pagine indelebili nella storia di questo business, è impossibile negarlo.
In un mondo o nell'altro, in questo c'è riuscito anche Giant "Jorge" Gonzalez... un lottatore argentino che non si è guadagnato il suo posto sul quadrato per passione o per chissà quale talento, ma semplicemente perchè era gigantesco.
La sua carriera è breve e le sue gesta non sono state sicuramente memorabili...è vero, la WWE lo ricorderà per sempre come una delle vittime della "streak" di Undertaker a WrestleMania, ma noi della HALL of SHAME, lo ricorderemo sempre per il suo costume e le sue abilità pressochè nulle sul ring!
Il costume, lo vedete nelle immagini, non ha bisogno di descrizioni...è l'immagine di un corpo di un uomo nudo e muscoloso disegnato su una calzamaglia!!!! 

In questo articolo, scritto a suo tempo per il defunto sito WrestlingWorld.it, Ivan Cavalieri (conosciuto come Ghostmaker su internet) è ospite nella HALL of SHAME e ci racconta il suo ricordo di uno dei personaggi più strani e grotteschi della storia del wrestling: Giant Gonzalez!

7/19/2012

KATIE VICK


Katie Vick
Necrofilia...altro che TVPG!

Tutti oggi si lamentano della PG Era, ma questa storyline vi fara' correre a mangiare i Fruity Pebbles per la paura, il brivido e il raccapriccio (cit.) che generera' nelle vostre tremule carni...
Questa e' una storia horror...ma non horror come "Non Aprite Quella Porta" o "La Casa", "Halloween" di John Carpenter o persino "The Blair Witch Project"...
No, non quel genere di Horror.
Parlo di quel genere di Horror in stile "So cos'hai fatto" ma piu' macabro, piu' merdoso e sopratutto molto piu' insensato.

Cosa c'entra tutto questo con le consuete puntate di Monday Night RAW? Continuate a leggere...

6/21/2012

RON REIS


RON REIS
Una carriera da HALL of SHAMER

Esistono lottatori sfigati.

O talmente incapaci e poco ispirati che diventano inevitabilmente lottatori sfigati.

E' il caso del gigantesco Ron Reis, un enorme lottatore di 226 cm di altezza per 166 Kg di peso, che nel corso della sua carriera non ha fatto altro che interpretare gimmick fallimentari una dopo l'altra. La sua e' una vera e propria "carriera da Hall of Shamer"!

E' cosi' sfigato che gli appassionati lo ricordano vagamente solo per la sua piu' grande interpretazione ma le sue altre gimmick, valgono la pena di essere raccontate, ecco il motivo per cui ho deciso di dedicare un intero articolo a questo wrestler, che gli appassionati di trash dovrebbero solo venerare.

3/29/2012

DUKE "THE DUMPSTER" DROESE

Duke "The Dumpster" Droese
Una gimmick da buttare...


Credeteci o no, c'è stato anche questo.
Ormai lo sapete, lo diamo per scontato...ma nessuno ha mai saputo rispondere all'annosa domanda: ma perchè secondo la WWE ogni wrestler aveva un secondo lavoro che doveva portare in qualche modo sul ring?

Duke "The Dumpster" Droese era un netturbino.
Non c'è molto da dire su questa gimmick, se non che non avesse neanche un perché.
A prima vista pensereste che saranno sicuramente stati quei capoccioni dei writers della WWE ad assegnare una gimmick così fallimentare e ridicola ad un nuovo lottatore..
Forse Duke Droese non era abbastanza pagato dalla WWE e faceva il netturbino come secondo lavoro...Chi lo sa!
E invece no!

Per la prima volta nella HALL of SHAME, stiamo parlando di un personaggio pittoresco inventato dallo stesso wrestler che lo interpretava!! Si! Mike (Duke) Droese ha inventato la sua stessa ridicola gimmick!

3/26/2012

~Una nuova figata: "WWE Are you serious?"




Cari i miei intelligenti fans di wrestling;
come avete notato la HALL of SHAME si e' presa un piccolo periodo di pausa per rimpolpare l'archivio, in modo da poter ripartire quanto prima con alcune delle storie e dei personaggi piu' esilaranti della storia del wrestling.
Nel frattempo, la Luca PoiSoN's HALL of SHAME si e' ritrovata una concorrente, sicuramente molto piu' potente: la WWE stessa che propone da qualche tempo "WWE ARE YOU SERIOUS?" su Youtube.
Il programma condotto da Road Dogg e da Josh Matthews, fa quello che da anni si fa da questi lidi, ovvero raccontano con video esilaranti i peggiori personaggi e le peggiori storyline mai prodotti dal mondo del wrestling! In una sola parola: INVIDIA!!! Avrei voluto esserci io al posto di Matthews!!! MALEDETTO!
AHAHAH, beh cos'altro aggiungere? Godetevi la Playlist di WWE ARE YOU SERIOUS, gentilmente prodotta direttamente dalla WWE!

Grazie Dio!



Luca Celauro
lucapoisonhallofshame.com

1/04/2012

~Intervista ESCLUSIVA a Chris JeriTroll


E così dopo settimane di video misteriosi, è tornato! E' lui! Il salvatore! E' Chris Jericho!
WOW! Mai visto così felice di essere su un ring WWE...Festeggia con il WWE Universe! Festeggia...
Festeggia e...Continua a festeggiare.

E a festeggiare...

E a festeggiare...

E poi va via senza aver detto neanche una parola.

Dico la mia: mi sento trollato!
Non resisto. Devo intervistare Chris Jericho.

Luca PoiSoN: Chris, e così eri tu il misterioso wrestler che si celava dietro quei video criptici del 02/01/2012...! Ma come mai hai deciso di fare un video del genere? Cosa c'entra la bambina? Perchè la "fine comincia adesso"? Perchè diceva tutte quelle strane cose?

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Se il video inserito all'interno del post non e' funzionante, vi prego di inviarmi una mail . Provvedero' immediatamente alla sostituzione del video. Grazie -